Tutte le spiagge dell’AltoGarda

“Per quest’anno non cambiare, stessa spiaggia, stesso mare…” recitava una vecchia canzone. Ognuno ha la sua spiaggia: visto che le caratteristiche delle spiagge sono molto diverse, così come lo sono le esigenze delle persone che le frequentano, passeremo in rassegna i vari lidi su cui prendersi una pausa e fare un tuffo in acqua.

La parte più settentrionale del Lago di Garda ha la forma caratteristica di un fiordo: il lago si stringe fino a misurare pochi chilometri in larghezza, racchiuso dalla verticalità delle montagne del Baldo e della Rocchetta. Le spiagge sono comunque numerose: piccole e sassose o ampie con prati erbosi, più o meno frequentate, sono sempre un’oasi di relax sia per i turisti che per la gente del posto. Luoghi da cui ammirare uno scenario inconsueto: l’incontro tra acqua e roccia dona al paesaggio un impatto più vivo e più forte rispetto alla parte meridionale del lago. Da quì parte la nostra breve rassegna sulle spiagge della sponda più a Nord del Lago di Garda, per orientarsi e scegliere quella che più si adatta alle proprie caratteristiche.

PUNTA LIDO

L’urbanizzazione di Riva ha cancellato altri lidi, divenuti passeggiate e area urbana. Proseguendo verso est la prima spiaggia che s’incontra è quella di Punta Lido, immediatamente dopo il capo omonimo, cioè la foce congiunta dei Torrenti Varone e Albola. Luogo bello e arioso, riordinato in anni recenti dal Ripristino Ambientale. Oggi c’è una grande spiaggia in erba, comoda, soleggiata, vicinissima al centro. […] Buona l’accessibilità, grazie alla vicinanza di parcheggi.

SABBIONI

Ad oggi, resta la spiaggia rivana per antonomasia. […] Bella, bellissima per il paesaggio, per la conca perfetta, per i salici e le loro verdissime fronde. Ma anche molto ben attrezzata: parco giochi, tavola calda, piattaforma galleggiante, alberature generose, ciclabile, beach volley, un campo da basket. Ha a disposizione i parcheggi del campo sportivo, quelli del Villino Campi, quelli antistanti la cartiera. Unico difetto? Quasi sempre troppo caotica. Strapiena di gente in agosto, ma assai frequentata anche dai primi di luglio a settembre […].

PURFINA

[…] La spiaggia è lunga ma abbastanza monotona, molto ventilata ma anche ben servita. Un bar, un’area giochi, un grande prato verde. Nelle adiacenze residence e campeggi, il che ne fa un lido spesso animato anche la sera.

PORTO SAN NICOLO’

[…] Non c’è una vera spiaggia, bensì un prato sugli scoglia da cui s’immergono i sub. Ma è un posto tranquillo, baciato dal vento del Garda e rilassante. Ha alle spalle il grande parcheggio del porto e a fianco il suggestivo parco del fortino. Al porto anche bar e servizi igienici. Difetto: è un posto per nuotatori abili e per gente che ama il vento.

BAIA AZZURRA

Superato lo “scoglio” del Brione la prima spiaggia che s’incontra è quella della Baia Azzurra. E’ una delle più belle, soprattutto per l’apertura del suo orizzonte. Non ha alcun tipo di parcheggio o accessibilità con auto.

FOCI DEL SARCA

[…] Qui il Sarca incontra il Garda. E’ assolutamente vietato raggiungere a nuoto l’isolotto che si forma in estate quando il lago è basso. Correnti vorticose e acqua fredda sono quì molto pericolose. C’è un parcheggio ed un fornito polo ristorativo, scuole di surf e circolo velico.

LIDO BLU E AL COR

Sono le spiagge torbolane, ad est del Sarca. Di difficile accessibilità in auto, ma molto ben tenuta, dalle quali si gode una vista incantevole sul Garda. Alberghi, ristoranti, campeggi, due campi da beach volley, circolo surf nei paraggi e anche un porticciolo, quello appunto, al Cor.

ALLA SEGA

[…] E’ la spiaggia di Torbole per definizione, con tanto di ombrelloni e sdraio in piena stagione. […] Pochi parcheggi nei pressi, ma il centro storico di Torbole a due passi, e scusate se è poco! Ora dotato di un nuovo bar in stile moderno.

SASS DEI BIMBI E CONCA D’ORO

Dopo il lungolago Verona, quando la strada piega verso la Conca d’Oro, sotto alcuni cipressi, c’è un grande macigno bianco, in parte conglobato nella massicciata stardale. E’ il celebre (una volta) Sass dei Bimbi, perchè quì i ragazzini venivano a fare il bagno.  Pochi metri più in là c’è la spiaggia della Conca. Qui i litorali sono stretti, fin troppo. Molto ventilati ed adiacenti alla Gardesana.

CIRCOLO VELA TORBOLE

La spiaggia accanto al circolo è bella, alberata, con vista su Torbole e l’Alto Lago. Il sole non arriva subito la mattina ma resta a lungo il pomeriggio. Meglio però arrivarci a piedi, perchè i posti auto all’interno del piazzale sono quasi sempre riservati o pieni.

CORNO DI BO’

Niente auto, solo bici o motorino per arrivare qui. Sotto la grande parete dove i climbers si esercitano, c’è una spiaggetta selvaggia che piace a molti. Così come il litorale che la precede, nascosto da una vegetazione lussureggiante. E’ un posto un po’ avventuroso, ma affascinante. […] ovviamente è anche un posto scomodo, con poco spazio e non troppo adatto alla baleazione.

NAVENE

Siamo in Veneto […] subito dopo la galleria, prima di Navene, scendendo un pendio ripido di una decina di metri, si accede alla spiaggetta di Navene. Posto assolutamente senza servizi, pochissimi parcheggi lungo la Gardesana.Ogni tanto si ferma sulla spiaggia il bar galleggiante. e’ luogo da relax totale, per sentirsi su un’isola lontana anche vedendo Riva in lontananza.

Clicca qui per trovare il tuo hotel a pochi passi dalle spiagge di Riva del Garda .

Fonte: libero adattamento da “Tutte le spiagge della Busa” di Davide Pivetti – La Busa (mensile), luglio 2013