Cosa fare coi bambini sul Lago di Garda

Riva del Garda e i suoi dintorni sono un posto bellissimo per trascorrere una vacanza.

C’è tanto verde e ci sono splendide montagne alle sue spalle, perfette per fare passeggiate. Vale la pena di fare una camminata lungo la sponda del lago, per godere della fresca brezza che scende dalle montagne e ammirare il paesaggio. Per chi ama il relax, durante la bella stagione, ci sono le spiagge del Garda per potersi sdraiare, le quali non hanno nulla da invidiare a quelle del mare.

Gli spazi aperti, la possibilità di svolgere attività sportive, la natura con le sue bellezze sono elementi che attireranno anche i più piccoli. È raro incontrare un bambino a cui non piace giocare fuori casa oppure andare in bicicletta. È per queste ragioni che il nord del Lago di Garda risulta una meta ideale anche e soprattutto per le vacanze in famiglia. Senza contare che l’aria di montagna fa bene ai bambini.

Le attività da svolgere tutti insieme e i luoghi da visitare sono molti, per cui è utile organizzare la gita per argomento, in modo da non perdere nessuna opportunità.

Riva del Garda

Come già trattato in precedenza (vedi articolo) questa cittadina sulla sponda del lago è un vero e proprio gioiellino, non per niente viene chiamata la perla del Garda Trentino, per cui va ritagliato un po’ di tempo per visitarla. Non ci sono problemi se si va con i bambini, perché il centro storico è pedonale, quindi i piccoli possono muoversi in tutta sicurezza e di certo apprezzeranno mangiare un gelato o una pizza in uno dei tanti locali che si affacciano sul lago. Inoltre, la città è dotata di svariati parchi giochi, molto ben tenuti.

Parchi divertimento e attrazioni

Restando nel perimetro cittadino si può visitare “Reptilandia”, un museo del tutto particolare: una galleria di scienze naturali e centro erpetologico, regno di serpenti, ragni, scorpioni e insetti.

Oltre alla bellezza che la natura offre in questa zona del Trentino Alto Adige i piccoli possono scatenarsi anche all’interno del parco avventura Busatte Adventure, che si trova fra Torbole e Nago, poco distante da Riva del Garda. Un luogo bellissimo e davvero ben attrezzato: ci sono cinquanta passaggi aerei da due a quindici metri di altezza, la nuova pista da BMX omologata per gare nazionali, i percorsi tecnici per MTB, i Bike Trial spot, il campo da basket e volley, il grande prato verde da cui ha inizio il tracciato Busatte-Tempesta. Inoltre, per ristorarsi, c’è il ristorante e bar. Busatte Adventure sarà un luogo perfetto per divertirsi in famiglia, al fresco delle pendici del monte Baldo.

Sempre stando in centro città, direttamente sulle sponde del lago, si trova una spettacolare centrale idroelettrica. É visitabile ed è senz’altro un’esperienza da non perdere per scoprire in che modo, da un elemento così importante come l’acqua, si può ricavare energia utile per la vita quotidiana. Questo meccanismo, le imponenti strutture della centrale cattureranno l’attenzione dei bambini. Basti pensare che la centrale è parte di un sistema complesso che, attraverso una rete di gallerie, condotte forzate e opere idrauliche, porta l’acqua dalle cime dell’Adamello al lago di Garda.

Essendo Riva del Garda e i suoi dintorni una zona di montagna non mancano le fattorie e le aziende agricole, in cui è possibile fare un giro, vedere da vicino gli animali e fermarsi a gustare i prodotti del contadino. Dalla sponda nord del lago di Garda è sufficiente spingersi sino alle vicine località di Arco e Tenno, per trovare alcune fattorie didattiche.

Attività outdoor “di terra”

Passeggiate, escursioni e climbing. C’è davvero l’imbarazzo della scelta per chi desidera passare il tempo libero in famiglia praticando attività sportive o per chi vuole trascorrere una vacanza in maniera alternativa.

Di seguito vi offriamo una panoramica completa delle possibilità.

Bicicletta e MTB

In primis occorre nominare le piste ciclabili sulle sponde del lago: la Mori-Riva del Garda, la ciclabile Torbole sul Garda-Sarche e la ciclopedonale della Valle dei Laghi, detta anche Torbole-Trento. La prima si sviluppa per 18,2 chilometri e si conclude alle cascate del Varone. È comoda e ben collegata, come la Garda-Sarche. La Torbole-Trento copre 32,9 chilometri e attraversa una zona dedicata alla produzione del vino santo, del quale potrebbero approfittare mamma e papà.

Da maggio di quest’anno si potrà pedalare sopra il lago. La nuovissima pista ciclabile che collega Riva del Garda a Limone sul Garda, ora permette a tutti i curiosi di fare un pezzo di strada, prima impossibile in bicicletta. Sospesi in alto, con vista mozzafiato si potranno percorrere dei tratti di lago che prima era possibile ammirare solo via lago.

Quanto alla mountain bike le possibilità di utilizzarla sono moltissime; c’è persino un’area naturalistica interamente dedicata a questo sport, il Bike Park Garda Trentino. Considerando che si pratica su terreni non lineari, è bene informarsi sui percorsi più adatti per i bambini, in modo da potersi divertire in tutta tranquillità.

Trekking e climbing

Intorno al Lago di Garda ci sono falesie sulle quali arrampicarsi, a misura di famiglia. Sembra curioso, ma la nuova Doss Pelà a Drena e la nuova area Massi delle Traole a Nago sono pensate appositamente per grandi e piccoli. Naturalmente ci sono anche altre falesie che offrono un’arrampicata vera e propria, per gli esperti.

Per quanto riguarda il trekking la scelta è ampia e vi sono numerosi tracciati dedicati alle famiglie. Non si può mancare di percorre la strada del Ponale, la cui attraversare regala scenari meravigliosi. Un altro percorso imperdibile è quello che collega le Marmitte dei Giganti, uno spettacolare fenomeno geologico, al Castagneto di Nago, dove gli alberi sono coltivati con cura dai residenti. È un itinerario unico nel suo genere: si parte da Torbole, si costeggiano i pozzi glaciali, poi si sale al Castagneto, da dove si ha una splendida vista su Torbole stessa e il lago sottostante.

Un’altra facile e allo stesso tempo suggestiva passeggiata è quella che si sviluppa al lago di Tenno e fino al borgo medievale di Canale, considerato uno dei Borghi più Belli d’Italia.

Outdoor “d’acqua”

Grazie alle sue dimensioni e al fatto di essere costantemente baciato dai venti che scendono sia da nord che da sud, il Lago di Garda è molto apprezzato da coloro che praticano sport d’acqua come la vela e il surf.

I venti del Garda

Pelèr (vento o vento da nord)

Il re dei venti, nonché quello del bel tempo. La caratteristica del Pelèr è il formarsi di piccoli set di onde decisamente più grossi e verticali del normale moto del lago, che sono quelli che determinano il suo nome, ovvero quello di “pelare” il lago.
È un vento continuativo e regolare nei mesi estivi. Soffia tra la mezzanotte e le tre del mattino, inizialmente a nord e al centro del lago per poi, con il sorgere del sole, stendersi su tutta la superficie di esso.

Ora (vento da sud)

Il più famoso ed apprezzato da surfisti e velisti di tutto il mondo. Prende forma da molti piccoli venti che all’altezza fra Gargnano e Brenzone nella zona sud del Lago si uniscono nella cosiddetta Ora che soffierà verso nord. È molto regolare e forte. Solitamente l’Ora inizia dopo la fine del Pelèr, intorno a mezzogiorno e dura fino al tramonto. La sua forza è molto diversa a seconda delle zone: Brenzone 1/2 bft, Campione 3/4 bft, Malcesine 2/3 bft, Navene 3/4 bft, Torbole 4/5 bft. Più si va a nord e più l’Ora aumenta per l’effetto Venturi causato dallo stringersi delle due catene montane che fiancheggiano il lago.

Vela, windsurf e Stand Up Paddle (SUP)

Se ai bambini fa piacere avvicinarsi a questi sport a Riva del Garda e nei dintorni troveranno esperti e scuole ben attrezzate.

Il SUP potrebbe rivelarsi un’alternativa molto divertente, poiché è sufficiente muovere la tavola da surf dolcemente per spostarsi. Sarà un modo nuovo e diverso per ammirare il paesaggio.

Immersioni

Non solo i fondali marini, ma anche quelli del lago possono essere esplorati, soprattutto per vedere le differenze con i primi. Non mancano le scuole di subacquea in questo territorio, alle quali occorre affidarsi per immergersi nelle acque del lago.

Canyoning

Si può praticare anche questo sport, c’è un’associazione sportiva dedicata nella vicina cittadina di Arco. Insieme agli istruttori, nonché guide esperte, mamma, papà e i bambini potranno tuffarsi nell’acqua, esplorare canyon e affrontare le cascate.